venerdì 14 settembre 2012

^Sigh^Quote! 01


... E parlavo anche di come doveva essere, secondo me, un produttore discografico: non certo un caporedattore di qualche fabbrica o un funzionario che controlla l'accordatura del pianoforte prima di una seduta di registrazione o che verifica che le spese del budget del disco rientrino il più possibile nel budget... O qualcuno il cui unico compito è quello di accertarsi che il disco suoni privo di immaginazione esattamente come si aspettano quegli agenti doganali (ah, no, scusa, funzionari) delle case discografiche, ovvero senza la minima logica critica e musicale.

Kip Hanrahan, a proposito della sua collaborazione con Astor Piazzolla,
su Musica Jazz del settembre 2012

2 commenti:

  1. Un giorno lessi questo: "Spero sia chiaro, una volta per tutte, che il lavoro dell’editore non consiste tanto nel pubblicare, ma nell’impedire che venga pubblicato". Forse ha qualche attinenza.

    RispondiElimina
  2. un'aggiunta molto ficcante.
    grazie!
    ^s^

    RispondiElimina